Ironia della Sorte

La mia storia parla di Ironia, forse dovrei chiamarmi così.

Da sempre mi capitano strane situazioni che combatto a suon di frasi ironiche e forza d’animo.

Non mi sono mai abbattuta davanti alle difficoltà.

Poi però ho scoperto, cosa vuol dire Infertilità, che su di me che lavoro con i bambini piccoli e mamme da 10 anni e che mi sono specializzata diventando Puericultrice e consulente all’allattamento, fa anche un po ridere.Ironia!

Ma partiamo dal principio.

Va detto che ho quasi 30 anni,  che sono fidanzata e convivente con il mio fantastico compagno, con il quale ho sentito da subito da parte di entrambi il desiderio di costruire insieme una vita.Siamo persone serie che fanno  passi cauti, quindi volevamo avere un minimo di stabilità per poi avere un bambino.

Prima siamo andati a convivere, ci siamo sistemati, abbiamo studiato e lavorato contemporaneamente, facendo rinunce notevoli, abbiamo adottato un cane e un gatto e ci sentiamo una famiglia unita,solida e felice. Si, perché noi siamo una famiglia, ma due anni fa ho iniziato a manifestare dei sintomi confusi che ci hanno messo un bel po a farci capire di cosa si trattava esattamente. Ho fatto così tante analisi che non mi fa più paura nulla.

Poi i medici, tre reparti in collaborazione mi hanno diagnosticato MENOPAUSA PRECOCE che è un mostro orrendo che mi fa avere mille disturbi:fisici, psicologici, relazionali.

In pratica sei giovane fuori (nel mio caso sembro una ragazzina sui 20 anni), e dentro una bella signora sui 60. Nel mio corpo vivono: una ragazza giovane piena di idee,voglia di fare, desiderio di mettersi in gioco finalmente.Una donna piena di desiderio materno, dolce, affettuosa. Una signora stanca, scorbutica e irascibile che vorrebbe fare e non ce la fa.

Quindi che si fa? Si fa che sei a pezzi, ti fai forza e metti in ordine le idee e in riga le emozioni che provi con una fatica , che parlandone io fiumi lui un deserto,pensa di dover essere utile pratico obiettivo per aiutarmi invece il suo silenzio, il suo non prendere una decisa posizione, fa si che io mi perda ancora di più.

Lasciando a parte il fatto che improvvisamente come un epidemia restano incinta tutte le amiche,conoscenti ecc che ho;lasciando il fatto che lavoro con questo ambiente pieno di gioie,mamme e famiglia. Dura la rabbia e l’invidia di chi e ti racconta di come sia stato un caso, di come in un rapporto fugace sia capitato.Dura vedere che tutti non si fanno scrupoli.

E noi cosa facciamo?dopo scontri, confronti, pianti, abbracci ti dici basta va presa una decisione!

L’inseminazione ci spaventa, per mille motivi, non siamo mai stati pro prima, ipocrita adesso dire si! Quindi abbiamo provato dolcemente,cioè? facendolo come qualunque altra coppia, tra abbracci baci e calore.Per ora nulla, e a ogni ciclo che arriva è una botta pesante per me.

Le finanze non aiutano a stare sereni difronte all’unica scelta dell’ora o mai più. Se non arriverà prenderò la pillola per contenere tutti gli effetti collaterali della pre menopausa, ma dentro me spero sempre che arrivi, quel bimbo o bimba che aspetto da tutta una vita.

Per me ha un volto e pensare di non incontrarlo mai mi fa troppo male, anche con poco gli darei tutto il mio mondo.

L’adozione per me e sempre stata una possibilità, a prescindere da quanti figli biologici avessi avuto.Quindi se non va nemmeno questo mese, continuerò a creare il nido per il bimbo che verrà.

 

 

1 commento
  1. rugiada
    rugiada dice:

    Cara angy, l’ironia della sorte la capisco bene … anche io lavoro con mamme e bambini. E a volte mi chiedo se sarò mai in grado di fare il mio lavoro tutta la vita, se capirò davvero le mamme senza essere mamma. Ho già fatto due icsi fallite e tra poco inizio la terza. Alterno momenti di disperazione e di speranza. Ti abbraccio

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento