“Sei giovane”

Sono giovane, inizio così perché me lo sono sentito ripetere milioni di volte, sopratutto da medici, molti medici circa 5 ne ho sentiti in questi anni. È vero, potrei avere molto più tempo di una donna che purtroppo l’infertilita’ la scopre più tardi… Ma non per questo il dolore è più leggero, o la disperazione cessa di esistere perché “sono giovane”.

Io e mio marito abbiamo deciso subito di provare a cercare un bimbo, io ero molto giovane.. Eppure passarono i mesi ma niente. Iniziano i primi controlli, quando tu nel tuo più profondo senti che qualcosa non va ma nessuno ti prende sul serio. Dopo due anni e mezzo di tristezze arriva il Nostro  Miracolo.

Prima ecografia: un minuscolo girino con un cuoricino che andava all’impazzata.

Seconda ecografia(appena entrata al terzo mese 10 sett) : battito assente.

Raschiamento.. Disperazione, rabbia delusione, sconforto, depressione.

Tu lo. Perdi… E tutte intorno a te restano incinte con successo.

Da lì non succede più nulla, altro medico, altri esami : ” È tutto apposto, e stai tranquilla non avere l’ansia perché sei giovane”.

Giovane o meno il dolore, la disperazione non cambia. L’aborto ti segna la vita, e giovane o meno non  nessuno sa come andrà…

Purtroppo la paura di non farcela mai più è molto forte… Nessuna parola è più di consolazione.. L’unica forza la trovo dentro di me… Non so come, non so dove..

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento