Chissà cosa si prova…

Che si prova? Che si prova ad avere un ritardo quando si cerca una gravidanza? Me lo chiedo sempre. Me lo chiedo da tre anni. Mai avuto nemmeno un ritardo. Allora qualcuno dirà che ci saranno sicuramente dei problemi. Ma i problemi non ci sono. Ogni volta spero che il medico di turno me ne trovi uno, almeno uno. Ma la risposta è sempre: signora le analisi vanno bene, anzi sono molto buone. Ho 40 anni e la riserva ovarica di una donna di 30. Nessun “percorso” ostruito, valori ormonali perfetti. Mio marito ha un varicocele di 3 grado. Allora è lì il problema, direte voi. Peccato che anche l’andrologo vedendo le analisi ha commentato: paradossalmente gli esami sono tutti normali. Allora mi chiedo io: come è possibile non aver mai avuto nemmeno un ritardo in tre anni di tentativi con tutta questa normalità? Nemmeno il sapore di un incontro fortuito. Nulla. E allora sto qui a pensare chissà cosa avremo mai fatto di male per essere puniti così. Due parti di noi che nemmeno si sfiorano. Neanche per sbaglio. E non riesco ad accettare la PMA. Non senza una motivazione. Non con tutte le analisi “normali”. 3 anni di tentativi e mai nemmeno un ritardo che sia uno. Vi assicuro che è da perderci la testa. Chissà che si prova al 29° giorno….

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento