Primo trapianto di utero in Italia, un anno dopo proverà a diventare madre

La 37enne avvierà la fecondazione assistita con degli ovociti che erano stati prelevati e conservati prima dell’intervento

A distanza di un anno dal suo intervento, la 30enne siciliana sottoposta al primo trapianto d’utero in Italia proverà ad avere dei figli tramite la fecondazione assistita tra settembre e ottobre. L’operazione era stata effettuata dai professori Pierfrancesco e Massimiliano Veroux, Paolo Scollo e Giuseppe Scibilia dal Policlinico di Catania in collaborazione con l’azienda ospedaliera Cannizzaro. “Utilizzeremo degli ovociti della paziente che avevamo prelevato e conservato”, ha dichiarato il professor Scollo, primario di ginecologia e ostetricia del Cannizzaro. 

Rara malattia congenita – La 30enne è nata priva dell’utero a causa di una rara malattia congenita nota come Sindrome di Rokitansky. “È un trapianto anomalo rispetto a quelli tradizionali – ha sottolineato Scollo – perché non salva la vita, ma mette le donne in condizioni di poter procreare. La paziente sta bene e non si sono verificati fenomeni di rigetto. Il ciclo mestruale è regolare e l’organo risulta perfettamente funzionante”. 

Continua a leggere “Primo trapianto di utero in Italia, un anno dopo proverà a divenire madre”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento