Pma e test prenatali. Umbria, Agabili: “Entro fine anno attivazione test e modifica criteri Pma”

L’assessore ai rapporti con l’Assemblea legislativa regionale ha risposto nel corso di un quesito time in aula. “Sarà costituita – ha spiegato parlando di Ama – una apposita commissione per ampliare a una fascia più ampia della popolazione la possibilità di ottenere assistenza sanitaria in questo ambito”

“Entro la fine dell’anno la Giunta recepirà l’atto per l’introduzione dei test prenatali. A breve verranno rivisti anche i criteri per la procreazione medicalmente assistita. Sarà costituita una apposita commissione per ampliare a una fascia più ampia della popolazione la possibilità di ottenere assistenza sanitaria in questo ambito”. Lo ha detto l’assessore Paola Agabiti rispondendo, nel corso del question time in consiglio regionale, a Simona Meloni Tommaso Bori.

I due consiglieri, nello specifico, hanno chiesto all’assessore di conoscere se “tutto quanto è stato previsto da una proposta di risoluzione del 2021, approvata all’unanimità dall’Aula, è stato effettivamente attuato e se non lo fosse, i tempi entro i quali sarà data esecuzione agli impegni presi, visti anche i risultati ottenuti in altre regioni quali ad esempio la Lombardia dove, dai primi di ottobre il Test Prenatale Non Invasivo (NIPT) coinvolgerà in via sperimentale 1.600 donne con il Policlinico di Milano come laboratorio e punto di riferimento e sarà gratuito”

Continua a leggere l’articolo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento