Infertilità, c’è un legame con le sostanze chimiche che alterano la salute dell’intestino

Un nuovo studio pubblicato su Cells ha messo in luce nuovi aspetti dell’intricata relazione tra sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, microbiota intestinale e salute riproduttiva

Arriva una nuova prova scientifica ad avvalorare la stretta correlazione tra l’esposizione a sostanze interferenti endocrine, la disbiosi intestinale (cioè uno squilibrio della flora batterica dell’intestino) e l’infertilità

Secondo una nuova analisi realizzata del gruppo GeneraLife, in collaborazione con il Laboratorio di Biologia dello Sviluppo dell’Università di Pavia, pubblicata sulla rivista Cells, offre un’inedita panoramica sull’intricata relazione tra sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, microbiota intestinale e salute riproduttiva.

Gli interferenti endocrini sono presenti in solventi, plastiche, pesticidi e anche in alcuni alimenti, in particolare nei dolcificanti artificiali come l’aspartame e nei cibi di origine industriale, e inducono danni all’intestino attraverso diversi meccanismi d’azione, portando a disbiosipermeabilità intestinale e infiammazione cronica di basso grado, condizioni legate a diverse malattie, compresa l’infertilità

Inoltre, quando si verifica una condizione disbiotica durante la gravidanza o nel primo periodo post-natale, questo può portare a effetti dannosi ancora peggiori, incidendo sulla formazione nel bambino di un microbiota intestinale sano, con conseguenti implicazioni per la sua salute.

Continua a leggere l’articolo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento