Partorire in sicurezza, un diritto di tutte

STRUTTURE IDONEE A PARTORIRE IN SICUREZZA In Italia, a oltre 6 anni dalla riorganizzazione della rete neonatale, tanti bambini nascono ancora in centri nascita non adeguati, dove avvengono meno di 500 parti all’anno e dove non si è a volte per nulla certi di partorire in sicurezza. La conferma arriva dai nuovi dati del Piano Nazionale Esiti 2016 (PNE), presentato lo scorso 16 dicembre, che evidenzia come siano ancora troppi i punti nascita sotto la soglia dei 500 parti.

WPNX-14509_iStock-512696797-e1482944080924-1022x575

 

PARTORIRE IN SICUREZZA: LA SIN SOLLECITA LA RIORGANIZZAZIONE DEI P.N. La Società Italiana di Neonatologia (SIN) ha sollecitato caldamente la riorganizzazione della rete dei Punti Nascita del nostro Paese, auspicando soprattutto la riduzione dei tempi necessari e raccomandando che questa avvenga secondo standard scientifici internazionalmente riconosciuti, con l’obiettivo di garantire la massima sicurezza alla mamma e al neonato e di ottimizzare l’uso delle risorse disponibili.

Continua a leggere su La Stampa

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Maternità over 40: cosa c’è da sapere

Due nuovi strumenti informativi di AISM per futuri genitori

Compie 40 anni la prima bimba italiana nata “in provetta”

Una mappa genetica indica la strada per curare l’endometriosi

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione