fbpx

Congelamento degli ovuli, fenomeno in aumento: la storia di Giulia e la spiegazione dell’esperto

Lo specialista del Sant’Anna di Torino, Gianluca Gennarelli: «La crioconservazione degli ovociti è un possibile rimedio contro il calo delle nascite»

Giulia, nome di fantasia, 38 anni, ha un compagno che non vuole avere figli, e così ha deciso di congelare i suoi ovociti in una clinica privata torinese: «per non precludermi la possibilità di diventare mamma tra qualche anno» spiega la ragazza. Una delle tante donne che stanno scegliendo questa pratica per compensare il gap di genere con l’uomo che ha più tempo biologico per procreare.

I numeri di persone che si rivolgono alle cliniche private per il congelamento ovarico sono in aumento, ma negli ospedali pubblici la pratica, per motivi personali, non è prevista. «Il congelamento degli ovuli attualmente è lecito soltanto per pazienti affette da tumore e presto lo sarà anche per chi soffre di endometriosi» spiega il dottor Gianluca Gennarelli, responsabile del centro di medicina della riproduzione umana e assistita dell’ospedale Sant’Anna di Torino, dove le nascite nel 2023 sono calate di ben il 12%.

«CON IL CONGELAMENTO OVARICO POTRANNO NASCERE PIU’ BAMBINI»

Ma con la crioconservazione degli ovuli forse in futuro potrebbero aumentare. «Certo è che l’età media delle donne che hanno il primo figlio si è alzata in tutta Italia e data la longevità maggiore degli esseri umani rispetto al passato mi pare atteso che anche la genitorialità si allunghi permettendo alla donna di ricorrere al congelamento ovarico e quindi di contrastare i problemi legati all’infertilità dovuti all’età» spiega Gennarelli.

«In Europa – aggiunge il dottore – questa è una pratica diffusa. Ma non ancora in Italia. E io credo che sia una battaglia giusta per l’autodeterminazione della donna. Bisogna capire quanto questo possa convenire allo Stato che lamenta appunto un calo delle nascite».

Continua a leggere l’articolo

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Marica Pellegrinelli incinta dopo il tumore alle ovaie

“Tra le cause dell’infertilità anche un’alimentazione non corretta: vi spiego cosa fare”

Fecondazione assistita, in Italia 217mila nati in 20 anni

PMA: come deve essere il centro ideale per eseguire i test genetici preimpianto

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione