fbpx

Cosa significa nascere durante l’emergenza Coronavirus

Nascere al tempo del coronavirus è un’impresa speciale. Tra corsi pre-parto da remoto, tamponi a scadenze fisse e visite vietate a parenti e amici, è andata per aria tutta una tradizione di riti di accompagnamento della mamma e di accoglienza del neonato.
«Quando è iniziata l’epidemia, abbiamo saputo che ai padri non era più permesso entrare in ospedale, e l’idea di non poter essere lì con Samanta mi metteva molto in ansia», racconta Lorenzo, che in pieno lockdown è diventato papà di Alice ed Emma. «Poi ci hanno parlato dell’ospedale di Bagno a Ripoli, abbiamo preso contatto con loro e ci siamo rassicurati». Durante il lockdown, la procedura standard teneva i padri del tutto fuori dall’ospedale: al momento del parto accompagnavano la compagna in accettazione e dopo quattro o cinque giorni andavano a riprendere lei e il neonato. Regole così strette da provocare un aumento delle richieste di partorire a domicilio.

Continua a leggere…

News simili

Parole Fertili è tutto nuovo ed è già online. Il sito dedicato a chi… Continua

“Si stima che il 6-10% delle donne ne sia in qualche modo affetto. La… Continua

Ogni mese sono tantissime le donne in età fertile che affrontano i fastidiosi sintomi… Continua

Corsi di formazione e una mappa dei gruppi di sostegno: le realtà censite finora… Continua

L’infertilità è anche un problema maschile. Dovrebbe essere un’ovvietà dirlo ma ancora oggi non… Continua

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione