Dal 4° Congresso SIRU: il punto sulla PMA in Italia

Fecondazione assistita: più di 4 anni tra diagnosi e cura. E dopo il covid più di 15mila bambini non nati per ritardi PMA. La Siru: “La fertilità ritorni al centro di agenda politica, accelerare Linee Guida e LEA”

Trascorrono in media 4,2 anni da quando le coppie chiedono aiuto fino a quando entrano in un centro di Procreazione medicalmente assistita (Pma). Il ritardo è molto spesso legato alla mancanza di un chiaro e omogeneo percorso diagnostico e terapeutico. Se ne è parlato nel corso del Congresso Nazionale della Società Italiana di Riproduzione Umana (Siru) a Napoli.

“Una grave lacuna – ha sostenuto Antonino Guglielmino, ginecologo Presidente SIRU – che, da un lato può compromettere l’esito dei trattamenti, considerando che le donne accedono alla Pma in media a 36,7 anni d’età, quando cioè hanno solo 1 possibilità su 5 di successo; dall’altro causa un ingente spreco di risorse economiche per il Servizio sanitario nazionale, legate a una cattiva gestione delle coppie con problemi di infertilità”. 

La carenza di Linee guide nel settore della infertilità è strettamente collegato ai percorsi necessari per ottenere una diagnosi effettiva. “In Italia non abbiamo mai avuto Linee guida cliniche – ha spiegato Antonino Guglielmino, ginecologo e Presidente della Siru – e ciò ha influito sulla individuazione delle buone pratiche legate alle evidenze scientifiche”. Al ritardo si aggiunge il problema della differenza di trattamento per le coppie, che non è omogeneo da Nord a Sud. 

Continua a leggere l’articolo “Dal 4° Congresso SIRU: il punto sulla PMA in Italia”

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Due nuovi strumenti informativi di AISM per futuri genitori

Compie 40 anni la prima bimba italiana nata “in provetta”

Una mappa genetica indica la strada per curare l’endometriosi

La dieta mediterranea aumenta la fertilità

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione