Fecondazione assistita: richiesta di proroga per gli aspiranti genitori

Sono ora aperti i centri di Procreazione medicalmente assistita (Pma), a differenza di quanto accaduto in primavera quando, per contenere la trasmissione del Covid-19, la disponibilità ai trattamenti era stata a lungo sospesa o limitata. Tempo perso difficile da recuperare: per le donne che desiderano accedere alle tecniche di Pma con il Servizio sanitario nazionale è fissato un limite di età che varia secondo le Regioni: per esempio, in Lombardia e nel Lazio 43 anni, nel Veneto 50 e in Campania 46.
«La sospensione ha fatto perdere tempo prezioso a molte coppie» spiega Filomena Gallo, avvocato e segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni. «Per questo abbiamo chiesto alle Regioni che, a partire dalla riattivazione dei centri prorogassero di 12 mesi il limite di età previsto» .

Continua a leggere…

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Mamme single e Procreazione Medicalmente Assistita: i possibili donatori e dove andare

Bianca Atzei: «Perdere un figlio? Come vedere il cielo che mi crollava addosso».

Alimentazione e fertilità: l’importante connessione tra dieta e concepimento

Sterile per una malattia rara, diventa mamma con la fecondazione assistita: è il primo caso al mondo

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione