Fecondazione assistita: richiesta di proroga per gli aspiranti genitori

Sono ora aperti i centri di Procreazione medicalmente assistita (Pma), a differenza di quanto accaduto in primavera quando, per contenere la trasmissione del Covid-19, la disponibilità ai trattamenti era stata a lungo sospesa o limitata. Tempo perso difficile da recuperare: per le donne che desiderano accedere alle tecniche di Pma con il Servizio sanitario nazionale è fissato un limite di età che varia secondo le Regioni: per esempio, in Lombardia e nel Lazio 43 anni, nel Veneto 50 e in Campania 46.
«La sospensione ha fatto perdere tempo prezioso a molte coppie» spiega Filomena Gallo, avvocato e segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni. «Per questo abbiamo chiesto alle Regioni che, a partire dalla riattivazione dei centri prorogassero di 12 mesi il limite di età previsto» .

Continua a leggere…

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Due nuovi strumenti informativi di AISM per futuri genitori

Compie 40 anni la prima bimba italiana nata “in provetta”

Una mappa genetica indica la strada per curare l’endometriosi

La dieta mediterranea aumenta la fertilità

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione