Il miracolo della vita: quando il mondo sembrava crollare sei arrivata tu

Ho pensato e ripensato se scrivere o no della nostra storia. Non amo la condivisione, ma ho pensato che potesse in qualche modo dare coraggio o essere d’aiuto a qualcuno. Ma partiamo dal principio.


Mia figlia, Simona Pia, ha 17 mesi. La nostra storia inizia nel 2012, quando io e mio marito iniziamo a cercare una gravidanza.

Passano i mesi e nulla accade…così passano gli anni, tra esami, pianti e speranze sempre più flebili. Nel 2019 ci rivolgiamo ad un centro per fertilità: cure, siringhe ed ennesima porta in faccia.

Decidiamo così di fermarci un attimo, siamo sfiniti. Nel frattempo io inizio a stare male, ad avere crisi di tosse, problemi circolatori, affanno e i medici danno la colpa allo stress, al peso, al fumo, al mio lavoro…

Arriva il 2020 e con lui la pandemia, il mondo sembra crollare, io sto sempre peggio e nessuno faceva niente per capire cosa non andasse.

Ad agosto dopo mesi e mesi di sintomi sempre più invalidanti mi sento male e decido di dare l’ultimatum al mio medico. – “PRETENDO degli approfondimenti, la tachicardia ormai mi mangia viva e vado avanti per inerzia”….

Così arriva settembre e la prima ecografia….si vede qualcosa ma non si possono sbilanciare. Passo in risonanza e chiedono una tac. Arriviamo così al 25 novembre, ho 3 giorni di ritardo ma per me sono nulla, specie se sotto stress, non ci penso. Faccio la tac con contrasto.

Sapendo dell’infertilità non mi fanno beta nonostante il ritardo. 3 giorni dopo il mio mondo si spacca definitivamente..

Continua a leggere l’articolo…

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Due nuovi strumenti informativi di AISM per futuri genitori

Compie 40 anni la prima bimba italiana nata “in provetta”

Una mappa genetica indica la strada per curare l’endometriosi

La dieta mediterranea aumenta la fertilità

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione