fbpx

In Italia è boom di madri ultracinquantenni: come funziona la fecondazione eterologa

Nel nostro Paese 10.000 nati e aumentano mamme ultracinquantenni. Giorlandino: “Gli ovociti provengono da Spagna, Grecia, Ucraina, Polonia e Romania”

In Italia sono 10mila i bambini nati negli ultimi anni con la procreazione medicalmente assistita (Pma) ‘eterologa’, che nel nostro Paese risulta in crescita a ragione del fatto che sempre più donne cercano la gravidanza in una età matura.
“Le nostre Linee Guida- afferma il Professor Claudio Giorlandino, ginecologo, presidente dell’Italian College of Feto Maternal Medicine– permetterebbero l’eterologa solo fino all’età nella quale, teoricamente, una donna potrebbe concepire naturalmente e quindi, in realtà, non oltre i 44 anni. Ma tale limite è ampiamente disatteso essendovi, ogni giorno, gravidanze oltre i 50 anni di età”.
“Queste gravidanze in donne non giovanissime– prosegue l’esperto- sono cosiddette eterologhe perché ottenute con ovociti di donatrici giovani. Questi ovociti vengono poi fecondati nel laboratorio di embriologia e poi trasferiti nell’utero della futura mamma che quindi ospiterà una gravidanza appunto eterologa. Questa si chiama così perché creata in vitro dalla fertilizzazione di un gamete estraneo, l’ovocita di una donna più giovane, con uno spermatozoo del partner”.
Secondo Giorlandino “va però sottolineato ed affermato con forza che una donna, indipendentemente se l’ovocita che ha dato origine a suo figlio, sia suo o di una donatrice, sarà perfettamente madre. Il figlio che le cresce scalciandole in grembo e che poi lei partorirà, assorbirà da costei, durante la gestazione, tutto il messaggio filo-ontogenetico necessario per la sua individualità mentale. Il piccolo modellerà il suo sistema nervoso e plasmerà il suo nucleo psichico dall’ambiente esterno mediato dal filtro materno”.

Continua a leggere l’articolo

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Marica Pellegrinelli incinta dopo il tumore alle ovaie

“Tra le cause dell’infertilità anche un’alimentazione non corretta: vi spiego cosa fare”

Fecondazione assistita, in Italia 217mila nati in 20 anni

PMA: come deve essere il centro ideale per eseguire i test genetici preimpianto

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione