fbpx

La bassa riserva di ovociti non causa infertilità nella donna

Secondo uno studio dell’Università della Carolina del Nord di Chapel Hill, le donne che hanno una bassa riserva di ovociti nelle ovaie non dovrebbero preoccuparsi di non riuscire a rimanere incinte.

I ricercatori americani, coordinati dalla prof.ssa Anne Steiner, hanno studiato 750 donne di età compresa tra i 30 e i 44 anni, che si sottoponevano a esami del sangue e delle urine per valutare i biomarkers che indicano le riserve ovariche (test dell’ormone anti-mulleriano (AMH) sul sangue, dell’ormone follicolo-stimolante (FSH) su sangue e urine, e dell’inibina b sul siero). Dall’analisi dei risultati è emerso che le donne con una riserva bassa di ovociti avrebbero la stessa probabilità di concepire un figlio entro 6 o 12 settimane rispetto a quelle che non hanno un numero limitato di uova. In particolare, le donne con i livelli più bassi di AMH e i più alti livelli di FSH, che potrebbero indicare limitate riserve di ovociti, non avrebbero minori probabilità di concepimento rispetto a donne con risultati normali di questi test. I risultati del test dei livelli di inibina B non sarebbero associati all’infertilità.

Continua a leggere su clicmedicina.it

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Un nuovo metodo promette di risolvere una delle principali cause di infertilità maschile

Marica Pellegrinelli incinta dopo il tumore alle ovaie

“Tra le cause dell’infertilità anche un’alimentazione non corretta: vi spiego cosa fare”

Fecondazione assistita, in Italia 217mila nati in 20 anni

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione