fbpx

La procreazione assistita è anche una scelta socio-culturale

Le convinzioni culturali, gli schemi sociali e le influenze religiose hanno un ruolo di primo piano nel guidare le scelte delle coppie che non riescono ad avere figli riguardo le tecniche di fecondazione assistita. È quanto emerge da uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Human reproduction da Patrick Präg e Melinda Mills, dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, che nel loro lavoro hanno valutato quanto i fattori economici, sociali e culturali influenzassero il ricorso alla fecondazione assistita in Europa.

procreazione-assistita-anche-una-scelta-socioculturale.asp53188imhp1
Non dipende solo dai costi
«Una coppia su otto ha problemi di infertilità e molte fanno ricorso a tecniche di fecondazione assistita, ma l’utilizzo di queste metodologie varia molto nei diversi paesi europei» affermano gli autori che hanno confrontato i dati sulla prevalenza della fecondazione assistita in 35 paesi europei, guardando in particolare al numero di cicli di fecondazione per milione di donne in età fertile, ovvero tra 15 e 44 anni. E le analisi dimostrano che, sebbene i fattori economici e la ricchezza della nazione siano importanti, non sono gli unici a determinare il ricorso a tali tecniche. «Piuttosto i trattamenti sono più utilizzati in quei Paesi dove sono ritenuti culturalmente e moralmente accettabili» precisano gli autori riportando alcuni esempi significativi.

Continua a leggere su dica33.it

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Un nuovo metodo promette di risolvere una delle principali cause di infertilità maschile

Marica Pellegrinelli incinta dopo il tumore alle ovaie

“Tra le cause dell’infertilità anche un’alimentazione non corretta: vi spiego cosa fare”

Fecondazione assistita, in Italia 217mila nati in 20 anni

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione