fbpx

Mamma a 40 anni: “Il primo figlio con la fecondazione assistita, il secondo una sorpresa della vita”

“Per fare un figlio c’è sempre tempo”. Quella vocina che molte donne sentono dentro, e che manda al diavolo quel maledetto “orologio biologico” tanto caro alla vecchia zia, oggi viene sempre più ascoltata.

Le mamme che partoriscono a 40 anni sono sempre di più. A dirlo sono le statistiche, ma anche l’analisi fatta dall’Ospedale Del Ponte che racconta lo spaccato di una realtà in forte cambiamento: “Nel 2023 circa 300 donne sono state ricoverate nell’Unità dedicata alla gravidanza ad alto rischio dell’Ospedale Del Ponte. Perché aumentano le gravidanze con patologie? Certamente il fatto di procrastinare la gravidanza in età più avanzata è un fattore determinante (sono 1 su 10 a Varese le nascite da madri con 40 anni e oltre), altrettanto lo è il riscorso alla procreazione medicalmente assistita (170 bambini nati al Del Ponte nel 2023 sono il frutto di procedure di fecondazione in vitro e si tratta di gravidanze con rischi specifici)”.

Ma perché si aspetta tanto? Le ragioni sono molteplici: spesso perché si sceglie di trovare prima un lavoro che appaghi, anche economicamente, e rispecchi il percorso di studi fatto. A volte perché “l’uomo giusto” non arriva, altre volte perché, dopo aver atteso tanto ed essere ormai in età avanzata, quella gravidanza si fa attendere per anni.

Continua a leggere l’articolo

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Marica Pellegrinelli incinta dopo il tumore alle ovaie

“Tra le cause dell’infertilità anche un’alimentazione non corretta: vi spiego cosa fare”

Fecondazione assistita, in Italia 217mila nati in 20 anni

PMA: come deve essere il centro ideale per eseguire i test genetici preimpianto

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione