Maternità: oggi è un obiettivo possibile anche per le donne affette da patologie autoimmuni

La relazione fra medico e paziente è fondamentale per diventare madri se si soffre di una malattia autoimmune, anche e soprattutto perché occorre superare timori che persistono nonostante tutte le rassicurazioni della scienza. «Una patologia reumatologica può avere un impatto psicologico enorme: spesso ha ripercussioni sulla vita di coppia, a volte si arriva addirittura a rinunciare alla sessualità», ha sottolineato Antonella Celano, presidente dell’Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare (APMARR). «Per pudore e paura di essere giudicate se ne parla poco perfino con il partner, figurarsi con il reumatologo. Invece discuterne è importante, per ridurre al minimo l’impatto delle cure sulla fertilità e per la gestione della terapia in caso di gravidanza: ecco perché sul sito del progetto #anchiomamma abbiamo raccolto una serie di domande da porre al reumatologo, al dermatologo, al ginecologo per “rompere il ghiaccio”, sviscerare le perplessità e anticipare le criticità. Le donne si chiedono spesso se potrebbero accedere alla procreazione medicalmente assistita, e cosa dovrebbero fare in caso di dolore nei rapporti sessuali, oppure se la malattia influirà sulla gravidanza e viceversa: dare loro le risposte è essenziale perché possano avere una migliore qualità di vita».

Continua a leggere…

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Due nuovi strumenti informativi di AISM per futuri genitori

Compie 40 anni la prima bimba italiana nata “in provetta”

Una mappa genetica indica la strada per curare l’endometriosi

La dieta mediterranea aumenta la fertilità

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione