Procreazione assistita, con l’Ai si aprono nuovi scenari

L’intelligenza artificiale vede gli embrioni inidonei a impianto

L’intelligenza artificiale (Ai) apre nuovi scenari per la Procreazione medicalmente assistita (Pma). Grazie alle reti neurali artificiali si possono infatti identificare gli embrioni che, sebbene mostrino una buona morfologia, hanno una bassa probabilità di impianto. Questo quanto emerge dallo studio “Analisi delle dinamiche morfologiche dei blatocisti” condotto da Marcos Meseguer, supervisore scientifico ed embrologo dei centri di Pma IVI Valencia e presentato al 10/mo congresso internazionale Ivirma sulla medicina della riproduzione, che si è svolto nei giorni scorsi a Malaga. In particolare sono stati analizzati 511 blatocisti (gli embrioni dopo 5-6 giorni dalla fecondazione) devitrificate, procedura che precede l’impianto in utero.
“Stiamo lavorando su un algoritmo di Ai che studia il comportamento dell’embrione dalla devitrificazione al trasferimento, che dura circa 4 ore – commenta Meseguer …

Continua a leggere l’articolo

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Oms: una persona su sei ha sofferto di infertilità nel corso della propria vita. Ecco cosa vuole dire

Nell’infertilità femminile non spiegabile la genetica può spiegare anche altre predisposizioni

Infertilità: numeri, cause e contraddizioni del fenomeno nel nostro Paese

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione