Procreazione assistita, il silenzio è veleno

Sono circa il 3% le bambine e i bambini che in Italia arrivano grazie alle tecniche di Procreazione medicalmente assistita (Pma), un dato importante che tuttavia non tiene conto di tutti i concepimenti avvenuti nelle cliniche estere al centro del “turismo riproduttivo”, un fenomeno ormai stabile e dai numeri rilevanti. Eppure la Pma è un tabù, se ne parla pochissimo e risponde a linee antiquate. Un paradosso per un Paese che si allarma di fronte al nuovo minimo storico delle nascite, invocando a gran voce un’inversione di tendenza – salvo, poi, non essere all’altezza della sfida. Le donne, grazie al femminismo e alle grandi conquiste, oggi posso scegliere. Sono largamente libere di non avere un figlio, se non lo desiderano. Gli anticoncezionali sono diffusi e l’interruzione di gravidanza o la pillola abortiva RU486 – nonostante le gravi difficoltà di accesso – sono “raggiungibili”. Le non madri per scelta sono libere dallo stigma sociale della presunta rinuncia, anche se ancora alle prese con i pregiudizi e la costruzione di una nuova identità sociale.

Questo articolo è un’anticipazione del pezzo che Maddalena Vianello, esperta di politiche di genere e organizzazione culturale presenterà al festival di giornalismo del settimanale Internazionale, che inizia il 1 ottobre a Ferrara. Leggi l’articolo completo

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Due nuovi strumenti informativi di AISM per futuri genitori

Compie 40 anni la prima bimba italiana nata “in provetta”

Una mappa genetica indica la strada per curare l’endometriosi

La dieta mediterranea aumenta la fertilità

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione