Un aiuto ai bimbi prematuri dell’ospedale Buzzi: la campagna solidale per chi nasce ai tempi del Covid

L’ospedale milanese chiede aiuto per acquistare saturimetri, incubatrici e culle speciali: con la pandemia, infatti, si moltiplicano le necessità perché si sdoppia il percorso nascite tra mamme e neonati contagiati e non contagiati

Sdoppiare il percorso nascite per assistere mamme e bimbi contagiate dal coronavirus ha comportato di fatto moltiplicare il bisogno di attrezzature e dotazioni tecnologiche. Per questo da oggi fino al 27 febbraio la onlus dell’ospedale lancia una campagna con numero solidale 45586. Le donazioni serviranno per acquistare saturimetri, incubatrici e culle speciali, fondamentali per curare adeguatamente i piccoli prematuri, che non hanno ancora maturato del tutto organi e apparati e non sono ancora capaci di adattarsi alla vita fuori dal grembo materno.
In Italia ogni anno nascono oltre 30.000 prematuri (il 7% del totale). All’Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi di Milano ogni anno vengono ricoverati quasi 500 neonati prematuri nel reparto di Terapia Intensiva e Patologia Neonatale. “Con i bambini prematuri si va a tappe, la prima è il peso, poi la saturazione, e infine si deve terminare il pasto dal biberon – dice Alessandra, un’altra mamma -.

Continua a leggere…

News simili

E’ online il nuovo sito Parole Fertili!

Due nuovi strumenti informativi di AISM per futuri genitori

Compie 40 anni la prima bimba italiana nata “in provetta”

Una mappa genetica indica la strada per curare l’endometriosi

La dieta mediterranea aumenta la fertilità

0
Would love your thoughts, please comment.x

Seleziona uno o più argomenti

Scegli la tua emozione